Toshiko Horiuchi MacAdam, la regina dei parchi giochi tessili

da Annalisa Chelli - 18 maggio 2015
Annalisa Chelli

Annalisa Chelli

Community Manager at DHGshop
Sicily and Tuscany are in my blood. Travelling, movies, music, and art are the things I enjoy the most. I love whales, tattoos, the sea, Africa, good food, big smiles, Picasso, ‘The Master and Margarita’, and ‘Marriage Italian Style’. I believe in Charles Darwin and in the proverbs my grandmother said.
Annalisa Chelli

Oggi immersione totale nei colori e nel gioco! Toshiko Horiuchi MacAdam si diverte con il suo lavoro e gli altri si divertono grazie alle sue installazioni. Lei, artista tessile sui generis, sferruzza fibre sintetiche come il Vinylon per plasmare immaginarie strutture tessili che spesso sono destinate ai bambini e agli eterni Peter Pan di tutto il mondo.

Toshiko Horiuchi MacAdam

Il gioco si fa morbido

Toshiko Horiuchi MacAdam è conosciuta, infatti, soprattutto per i suoi parchi giochi tessili. Ciclopiche reti intrecciate l’una all’altra nate dalle sue infaticabili e generose mani. Il suo obiettivo principale è quello di realizzare un organismo morbido e accogliente con il quale interagire, nel quale giocare in totale libertà. Questo suo sogno nasce qualche decina di anni fa quando Toshiko era una giovane donna e si rese conto che a Tokyo, città dove allora viveva, non esistevano abbastanza spazi verdi e parchi per bambini. Trovò la cosa molto triste e si sentì di dover porre rimedio a modo suo. E fu nel 1971 che creò il suo primo parco tessile per bambini, immediatamente donato a un asilo della città. Grazie a lei i bambini possono avere a disposizione un posto sicuro e bellissimo dove vivere le proprie avventure e sfogare il loro bisogno di saltare, arrampicarsi, fare acrobazie anche in metropoli dove gli spazi verdi con giostre e altalene scarseggiano. Quando la creatività si mette al servizio dei piccoli è ancora più apprezzabile.

Toshiko Horiuchi MacAdam

Successivamente si dedicò con impegno a questo tipo di arte tessile ‘giocosa’ ma non solo e le sue opere sono state ospitate in tantissimi musei e gallerie prestigiose. Stati Uniti, Canada, Hawaii e Giappone sono soltanto alcuni dei paesi che amano Toshiko Horiuchi MacAdam. Anche l’Italia ha collaborato con lei e nel 2013 il MACRO di Roma, per la settima edizione di Enel Contemporanea, ha ospitato un’installazione site specific di Toshiko dal titolo ‘Harmonic motion/Rete dei draghi’ che è rimasta sospesa nella hall del museo per quasi due anni.

Toshiko Horiuchi MacAdam

Toshiko Horiuchi MacAdam

Fatevi un giro nel website di Toshiko Horiuchi MacAdam per conoscere tutti gli altri suoi capolavori. Passo e chiudo gente, alla prossima scoperta!

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche Le interviste esclusive di DHG: Meredith Woolnough

Related Post

Scrivi un commento