Marjolein Dallinga – in mostra a Prato

da Annalisa Chelli - 6 ottobre 2016
Annalisa Chelli

Annalisa Chelli

Community Manager at DHGshop
Sicily and Tuscany are in my blood. Travelling, movies, music, and art are the things I enjoy the most. I love whales, tattoos, the sea, Africa, good food, big smiles, Picasso, ‘The Master and Margarita’, and ‘Marriage Italian Style’. I believe in Charles Darwin and in the proverbs my grandmother said.
Annalisa Chelli

Marjolein Dallinga in mostra a Prato

Marjolein Dallinga, fiber artist canadese di grande rilievo, ha scelto Prato per la sua prima mostra personale. Marjolein Dallinga infatti sarà ospitata dal Museo del Tessuto di Prato per esporre le sue opere in feltro: 14 sculture tessili ispirate al famoso quadro di Hieronymus Bosch ‘Il giardino delle delizie’. Opere che riflettono il subconscio dell’artista. Opere dai colori evocativi e dalle forme morbide e surreali. Noi siamo fortunati partnership di questo evento. Vi invitiamo a leggere di seguito l’intervista a Marjolein Dallinga ma soprattutto a visitare la mostra. Non rimarrete delusi perché opere e location saranno davvero strepitose! Ottobre, Museo del Tessuto, apertura mostra 16 ottobre ore 17.00.

Marjolein Dallinga

Intervista

DHG: ciao Marjolein, prima di tutto, come stai?
MARJOLEIN:
buona giornata Annalisa, sto bene, grazie.

DHG: l’inaugurazione della tua mostra al Museo del Tessuto è per il 15 ottobre. Non vediamo l’ora! Quali sono le tue aspettative e perché hai scelto proprio la nostra città per questo importante evento?
MARJOLEIN:
beh ad essere sinceri è la vostra città ad avermi scelta.  Non ci sono mai stata e l’invito è stata una meravigliosa sorpresa. Mi sento molto onorata e grata per questa opportunità. Le mie aspettative? Cerco di non averne, essere pronta a tutte le esperienze a imparare qualcosa. E’ un evento importante per me, spero anche di organizzare più mostre nei musei del mio paese. Ho lavorato un anno intero per questa mostra a Prato. Mi piace questo progetto e spero di poter fare eventi sempre più grandi in futuro.

Marjolein Dallinga

Marjolein Dallinga e l’omaggio a Bosh

D: la mostra è intitolata Il Giardino delle Delizie. Il titolo è chiaramente un omaggio al dipinto Hieronymous Bosh. Quali sono i punti di contatto fra la tua mostra e il dipinto?
M:
il titolo mi è venuto in mente durante mentre stavo terminando l’ultimo pezzo per la mostra. Sono sempre stata affascinata da quel dipinto. Più tardi ho avuto l’opportunità di vederlo a Madrid durante un viaggio. Il dipinto è molto intrigante e misterioso. Penso che sia ancora modernissimo.  Il dipinto ha due elementi fondamentali che ritrovo anche nei miei lavori: mostruosità e tenera bellezza. Durante il giorno comunichiamo con altri con attraverso il linguaggio che i  nostri simili utilizzano. Ma durante la notte quando siamo addormentati il nostro subconscio utilizza un altro linguaggio molto particolare. I miei lavori provengono tutti dal mondo dei sogni. Il titolo è anche un po’ provocatorio. I pezzi realizzati per questa mostra sono sicuramente i più erotici mai realizzati.

 

 

Marjolein Dallinga

D: tra il corso che terrai al Museo del Tessuto la mostra al Museo del Tessuto  passerai molti giorni a Prato. Cosa ti piacerebbe fare nel tuo tempo libero?
M:
spero di poter esplorare un po’ la città. E anche i dintorni. Spero anche di visitare DHG, un luogo che sicuramente mi regalerà nuove ispirazioni.

Bloomfelt

Se ti è piaciuto questo articolo, potresti essere interessato anche a questo Marianne Kemp E Il Crine Di Cavallo: Intervista Esclusiva Dhg

Related Post

Scrivi un commento