Fiber Sculpture: 1960 – Present. Esposizione di opere tessili

da Annalisa Chelli - 22 Luglio 2015

Annalisa Chelli

Community Manager at DHGshop
Sicily and Tuscany are in my blood. Travelling, movies, music, and art are the things I enjoy the most. I love whales, tattoos, the sea, Africa, good food, big smiles, Picasso, ‘The Master and Margarita’, and ‘Marriage Italian Style’. I believe in Charles Darwin and in the proverbs my grandmother said.
Annalisa Chelli

Fiber Art mon amour

Oggi parliamo di Fiber Art. Quell’arte particolarissima, che noi abbiamo la fortuna e il privilegio di vivere quotidianamente anche se solo da dietro le quinte. Nata ufficialmente nel XX secolo, si esprime grazie al talento di artisti che scelgono come materiale per le loro opere la fibra tessile. Sia essa naturale o sintetica, lavorata grezza oppure prima trasformata da filatura e tessitura, plasmata da nodi e ricami, messa in opera da una serie di collage o con tecniche più moderne come quella del digitale.

Un’arte che può creare oggetti di arredo o che, nella maggior parte dei casi, può essere squisitamente concettuale. Insomma un vastissimo universo nel quale poter riversare la fantasia e anche un tipo di arte che ha sempre strizzato l’occhio alle donne, giocando anche un ruolo importante all’interno della storia del femminismo. La fibra tessile può essere in grado di far nascere il matrimonio perfetto tra Passato e Futuro. Non c’è unione più riuscita, a parer mio, di quella dove non ci si dimentica del passato ma si vive con un piede nel futuro, nella continua esplorazione di quello che ancora ci è sconosciuto e nella sperimentazione.

Fiber Sculpture: 1960 – Present

Fiber SculptureFiber Sculpture

La mostra Fiber Sculpture: 1960 – Present organizzata da The Institute of Contemporary Art/Boston e adesso ospitata dal Des Moines Art Center in Iowa (fino al 02 agosto), è la prima esposizione in più di 40 anni che esamina il complesso e curioso percorso della Fiber Art. Tecniche, materiali e forme espressive sfilano in questa galleria di opere d’arte realizzate dagli esponenti più illustri di questa pregevole forma d’arte, sono 33 gli artisti internazionali che hanno partecipato a questa mostra. Fra loro, solo per citarne alcuni, Sheila Hicks, Lenore Tawney, Xenobia Bailey, Claire Zeisler, Diane Itter, Faith Wilding, Olga de Amaral. Un incredibile viaggio tra sculture tessili, arazzi, merletti ciclopici, cascate di fili multicolori.

Fiber Sculpture: 1960 – Present

Fiber SculptureFiber Sculpture

Un percorso espositivo che vorrei tanto poter vedere con i miei occhi, dal vivo, ma che anche attraverso le immagini che riporto in questo articolo e attraverso le tante recensioni che ho trovato sul web una deduzione si riesce comunque a ricavare: la fibra può essere resistente come il ferro, docile come il bambù e fluida come l’acqua. Ed è grazie a queste sue caratteristiche che la fibra, quella naturale soprattutto, ha attraversato brillantemente i secoli ed è stata eccellente compagna dell’Uomo. Ci ha scaldati e coperti, ci ha regalato complementi d’arredo e opere d’arte sorprendenti.

Fiber Sculpture

Come spesso succede in questi miei piccoli articoli, vi dico che anche questo pezzo è solo uno spunto e che spero sia servito a farvi venir voglia di approfondire l’argomento per conto vostro. Ciao alla prossima dall’instancabile argonàuta targata DHG, sempre alla continua ricerca di chicche tessili e non!

Des Moines Art Center Iowa

Se ti è piaciuto questo articolo, potrebbe interessarti anche Alexander McQueen in mostra a Londra

Related Post

Scrivi un commento